stemma comunale

Panorama innevato Morano Calabro

Bandiera Arancione

I Borghi più belli d'Italia
Home
Organi Istituzionali
Il Sindaco
La Giunta
Ufficio Staff - Gabinetto del Sindaco
Il Consiglio Comunale
Componenti
Organigramma
Albo Pretorio
Delibere di Giunta
Delibere di Consiglio
Regolamenti e Statuti
Interrogazioni
Avvisi
Bandi e Gare
Bandi - Concorsi
Trasparenza Ammin.
Incarichi Professionali
Assenze Dipendenti
Area Press
Elezioni
Link utili
Polizia Municipale
Contatti

amministrazione trasparente

 


Sportello Attività Produttive Sportello Attività Produttive

Ufficio Tributi

Piano Centro Storico

Biennale Biennale

PSC Comunale

PSR 2014/2020

Progetti PISL

Cambio Residenza in tempo reale

Sportello SUAP

Centrale Unica di Committenza

In Comune

Accesso Area Riservata

logo differenziata Informazioni utili sul servizio della Differenziata

convenzioni

 

Collegamento al Servizio Civile Nazionale

Servizio Civile Nazionale


Progetto Marinella Amici

Progetto Rete Marinella Amici

 

 Recapiti

Piazza Giovanni XXIII

87016 Morano Calabro (CS)

Tel. 0981.31021

Fax  0981.31036

Pec del Comune

 

 

 

U.S. Geppino Netti

  A.S. Geppino Netti

 

Marinella Onlus

  Marinella Onlus

 

link Utili:

Provincia di Cosenza

Regione Calabria

Biagio Spezzano  

laterale

Illustrate in un convegno tenutosi a Morano le strategie di contrasto agli incendi.
Task-force a tutela dell’ingente patrimonio boschivo del Pollino.


“Antincendio boschivo. Strategie di previsione, prevenzione e intervento”. Se n’è discusso venerdì scorso a Morano Calabro in un convegno promosso dal Gruppo Speleo del Pollino e dall'Amministrazione comunale.

Qualificato il parterre degli oratori presenti. I quali, dopo l’introduzione del dott. Giuseppe Di Luca, moderatore della serata, hanno esaurientemente relazionato sull'argomento. Tecnici e istituzioni si sono avvicendati sulla spinosa questione degli incendi, restituendo alla platea una serie di dati e considerazioni su cui riflettere.

E’ toccato al presidente degli speleologi moranesi, Roberto Berardi, aprire i lavori e soffermarsi sul grande impegno che l’associazione da lui guidata profonde da decenni nella salvaguardia dell’ambiente; «lottando contro chi vorrebbe distruggere – così Berardi – il nostro patrimonio naturalistico».

Antonio Fioriglio, funzionario della Protezione Civile Calabria, ha invece focalizzato l’attenzione sulla struttura operativa regionale, costituita da uomini e mezzi (24 PK, 12 Autobotti 4x4, 4 Elicotteri, 26 Vedette). E’ pure emerso come purtroppo non sia ancora stato attivato il COP (Centro Operativo Regionale) di Cosenza, a fronte dell’importanza che la struttura riveste nel contrasto ai roghi.

All'ufficiale del Corpo Forestale dello Stato, Angelo Roseti, il compito di descrivere l’attuale situazione sul fronte incendi e di segnalare come il 95% di essi sia di natura dolosa o colposa. Il dirigente del CFS ha evidenziato come anche in questo settore i tagli ai fondi siano stati significativi e abbiano prodotti effetti negativi sull’apparato interventistico. Impressionante a tal proposito l’esempio sulla flotta aerea: nel 2007 la Protezione Civile disponeva di 31 Canadair, nel 2014 solo 14.

Al presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, tra i relatori, non piace l’idea di accorpare il Corpo Forestale dello Stato ad altre forze di polizia. E lo ha detto chiaramente. Per poi esporre l’articolata opera di prevenzione e intervento promossa dal Parco in un territorio vastissimo e impervio. Opera condotta fianco a fianco con il CFS, la Protezione Civile, associazioni di volontariato in ambito interregionale (più di 1100 uomini tra Calabria e Basilicata), l’ausilio di velivoli da diporto per l’avvistamento, gruppi di detenuti della Casa circondariale di Castrovillari. «Nel 2006 – ha sottolineato Pappaterra a dimostrazione delle buone iniziative intraprese - le fiamme divorarono 6.000 ettari di superficie nel Parco, mentre nel 2014 si sono fermate a 158». Ma la vera novità è costituita dall'apparato di videosorveglianza: «Insieme alla Telecom – ha informato il Presidente dell’area protetta - il Parco ha posizionato telecamere ad ampio raggio per un controllo attento e continuo delle aree sensibili». Sintomatico e apprezzato, infine, il riferimento all'ultima enciclica di papa Francesco, Laudato si’, una proposta credibile per vivere in armonia con la straordinaria bellezza del Creato.

Anche l’assessore Biagio Angelo Severino, non condivide l’iniziativa che mira a unificare il CFS con altri organi di Polizia. Stigmatizzando i contenuti della proposta, nel suo saluto il membro dell’esecutivo locale ha dapprima ringraziato il Gruppo Speleo del Pollino per le attività svolte, quindi ha suggerito in tono polemico di «abbattere la scure della spending review sugli stipendi dei parlamentari anziché penalizzare le Forze dell’Ordine e mettere a repentaglio la sicurezza dei cittadini».

Conclusioni affidate al sindaco Nicolò De Bartolo. Il quale ha tracciato un profilo del lavoro svolto negli anni dal Parco, dalle associazioni, dal CFS, dalla Protezione Civile e dai Comuni. Ed è su questi ultimi che il Primo cittadino ha voluto porre l’accento: sulle «responsabilità enormi dei Sindaci»; «che però – ha affermato - non dispongono di adeguate risorse per tutelare concretamente i territori». De Bartolo ha poi chiesto che «le istituzioni interessate siano messe in condizioni di operare compiutamente; e di ragionare sul paradosso che vede fondamentali, e non di solo appoggio, i gruppi di volontariato. Oggi – ha osservato De Bartolo – questi sodalizi svolgono un’azione inderogabile, talvolta sostituendosi allo Stato e assicurando servizi che altrimenti non sarebbero garantiti». Quindi un «riconoscimento sentito al Gruppo Speleo del Pollino, al suo Presidente, alla macchina organizzativa della Protezione Civile ad ogni livello, al Parco Nazionale del Pollino, al CFS»: «Grazie a questi soggetti e ai loro valenti uomini, abbiamo più volte scongiurato la desertificazione di intere aree. E’ certamente indispensabile limitare drasticamente gli sprechi di risorse pubbliche, ma occorre farlo oculatamente – ha terminato De Bartolo; evitando di indebolire servizi che sovrintendono alla salvaguardia della biodiversità e all'equilibrio delle specie».

scarica l'articolo nella versione in pdf

barra laterale




Foto Gallery
App iMoranoCalabro
Google Play
Foto Gallery
Fotogallery
Foto Gallery
Fotogallery
Logo Eco Earth

Attestazione Comune Riciclone
Attestazione Comune Riciclone 2015
Turismo*
Informazioni
Storia
Le Chiese
San Bernardino
San Nicola
SS. Pietro e Paolo
Santa Maria Maddalena
Santa Maria del Carmine
Convento Padri Cappuccini
Monastero di Colloreto
Associazioni
Il Nibbio
Museo dell'Agricoltura
Raccolta Privata D'Agostino
Passeggiate
San Bernardino - San Nicola
San Nicola - S. Maddalena
San Nicola - S. Pietro
San Pietro - S. Maddalena
Eventi
Festa della Bandiera
Festa del Carmine
Ricettività
Alberghi- B&B -Agriturismi
Ristoranti
sito in aggiornamento

EVENTI

Programma Estate Morano 2017
Programma Estivo 2017


Archivio Eventi 2010

Paesi Gemellati:

Porto Alegre

Porto Alegre

Pro Loco Morano Calabro
Pro Loco di Morano Calabro
Trekking Calabria
Trekking Calabria

link Utili:

Progetto EDEN 

Morano tra le quarantatre destinazioni rispondenti ai criteri della Commissione Europea