stemma comunale

Panorama innevato Morano Calabro

Bandiera Arancione

I Borghi più belli d'Italia
Home
Organi Istituzionali
Il Sindaco
La Giunta
Ufficio Staff - Gabinetto del Sindaco
Il Consiglio Comunale
Componenti
Organigramma
Albo Pretorio
Delibere di Giunta
Delibere di Consiglio
Regolamenti e Statuti
Interrogazioni
Avvisi
Bandi e Gare
Bandi - Concorsi
Trasparenza Ammin.
Incarichi Professionali
Assenze Dipendenti
Area Press
Elezioni
Link utili
Polizia Municipale
Contatti

amministrazione trasparente

 


Sportello Attività Produttive Sportello Attività Produttive

Ufficio Tributi

Piano Centro Storico

Biennale Biennale

PSC Comunale

PSR 2014/2020

Progetti PISL

Cambio Residenza in tempo reale

Sportello SUAP

Centrale Unica di Committenza

In Comune

Accesso Area Riservata

logo differenziata Informazioni utili sul servizio della Differenziata

convenzioni

 

Collegamento al Servizio Civile Nazionale

Servizio Civile Nazionale


Progetto Marinella Amici

Progetto Rete Marinella Amici

 

 Recapiti

Piazza Giovanni XXIII

87016 Morano Calabro (CS)

Tel. 0981.31021

Fax  0981.31036

Pec del Comune

 

 

 

U.S. Geppino Netti

  A.S. Geppino Netti

 

Marinella Onlus

  Marinella Onlus

 

link Utili:

Provincia di Cosenza

Regione Calabria

Biagio Spezzano  

laterale

“Qui la ‘ndrangheta non entra”, Morano grida il suo no alla criminalità organizzata
Magarò: «Occorre un’antimafia sociale, fatta di lavoro, diritti, opportunità»


Celebrata sabato scorso a Morano la giornata della legalità. Strutturato su due momenti distinti eppure inscindibili il programma della manifestazione: un convegno - al quale hanno preso parte il sindaco Nicolò De Bartolo, l’on. Salvatore Magarò, presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta, l’avv. Sonia Forte, membro dell’esecutivo moranese, il dirigente scolastico del locale Istituto comprensivo, Walter Bellizzi - e la scopertura dell’epigrafe “Qui la ‘ndrangheta non entra”, collocata al lato destro del portone d’ingresso del municipio.

«La legalità si nutre di simboli positivi» ha affermato De Bartolo «e noi proprio questo oggi vogliamo fare: lanciare un idea di rispetto per l’altro, di servizio, di ascolto. Abbiamo il dovere di realizzare le condizioni culturali perché tutto ciò si verifichi: la scuola, la famiglia e la politica insieme. Arginando per tempo le lusinghe che possono provenire da frange malate di società. La nostra è un’adesione entusiasta, piena e convinta all’iniziativa. Certo è solo un simbolo! Ma ha per noi un profondo valore morale, che intendiamo abbracciare e trasmettere».

Alle parole del primo cittadino hanno fatto eco quelle dell’assessore Sonia Forte, la quale ha posto l’accento sulla «necessità di intervenire sul tessuto sociale educando alla pace e alla non violenza. La legalità – ha osservato - implica un coinvolgimento formativo diretto e sostanziale, svolto in primis dalla Scuola e dalla famiglia».

Sentito e articolato su più concetti il contributo del prof. Walter Bellizzi: «Le radici della legalità – ha sostenuto – si rintracciano nella libertà di coscienza. Ed è fondamentale che si istruisca alla legalità in ogni fase della crescita, offrendo ai ragazzi non solo parole ma dando loro l’esempio e aiutandoli a sviluppare quella coscienza critica che si traduce in capacità di discernimento».

A trarre le conclusioni, incisive e ardimentose, l’on. Magarò. Il Presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta ha catalizzato l’attenzione dell’uditorio, su questioni molto delicate. Partendo dall’analisi della situazione attuale per poi approdare alle proposte, più d’una e tutte suffragate da specifici progetti legislativi, Magarò ha sottolineato come «la lotta alla criminalità si alimenti anche con simboli in grado di infondere forza, coraggio, tenacia. Ma vi sono, purtroppo, anche emblemi negativi, - ha spiegato - che identificano il potere: la mala politica, i privilegi, gli arricchimenti personali, il malaffare. Questi dobbiamo combattere con ogni mezzo. Lo Stato fa la sua parte sì, con le forze dell’ordine, la magistratura. Ma le mafie non si sconfiggono solo con le manette e le sentenze. Occorre un’antimafia sociale, fatta di lavoro, diritti, opportunità. Meglio perdere le elezioni che vincerle scendendo a patti con la criminalità. In Calabria – ha aggiunto Magarò – deve crescere il voto libero. Libero cioè di scegliere da chi è meglio farsi rappresentare».

Dicevamo delle spinte e delle idee ribadite dal Presidente della Commissione regionale anti ‘ndrangheta nel corso del suo appassionato ragionamento. Su tutte e in primis il «sequestro immediato di beni e capitali alla criminalità organizzata per destinarli alla creazione di opportunità di lavoro». Ma ancora: la «vicinanza ai testimoni di giustizia: lo Stato affidi a questi soggetti i lavori di somma urgenza, offra loro l’opportunità di tornare a una vita regolare». In chiusura l’invito a «controllare assiduamente l’operato dei politici e a fare rete per riaccendere la speranza». Vorrei si potesse dire ai nostri nipoti – ha terminato Magarò: c’era la mafia, adesso non c’è più».

Pino Rimolo

scarica l'articolo nella versione in pdf

barra laterale




Foto Gallery
App iMoranoCalabro
Google Play
Foto Gallery
Fotogallery
Foto Gallery
Fotogallery
Logo Eco Earth

Attestazione Comune Riciclone
Attestazione Comune Riciclone 2015
Turismo*
Informazioni
Storia
Le Chiese
San Bernardino
San Nicola
SS. Pietro e Paolo
Santa Maria Maddalena
Santa Maria del Carmine
Convento Padri Cappuccini
Monastero di Colloreto
Associazioni
Il Nibbio
Museo dell'Agricoltura
Raccolta Privata D'Agostino
Passeggiate
San Bernardino - San Nicola
San Nicola - S. Maddalena
San Nicola - S. Pietro
San Pietro - S. Maddalena
Eventi
Festa della Bandiera
Festa del Carmine
Ricettività
Alberghi- B&B -Agriturismi
Ristoranti
sito in aggiornamento

EVENTI

Programma Estate Morano 2017
Programma Estivo 2017


Archivio Eventi 2010

Paesi Gemellati:

Porto Alegre

Porto Alegre

Pro Loco Morano Calabro
Pro Loco di Morano Calabro
Trekking Calabria
Trekking Calabria

link Utili:

Progetto EDEN 

Morano tra le quarantatre destinazioni rispondenti ai criteri della Commissione Europea